Italian Basque English French German Russian Spanish
×

Attenzione

La funzione mail del sito è stata disabilitata da un amministratore del sito.

Una “bomba “ di scorciatoia

Foto bombaA quanti di voi sono già capitati, durante un'escursione, di cambiare itinerario perché affascinati da un luogo?.. o di cambiare itinerario per creare una variante al proprio percorso? A noi capita spesso e crediamo che a tanti di voi sicuramente sarà capitato..La pratica del “fuori sentiero” è un’attività molto stimolante e appagante ma anche molto faticosa e piene di insidie. Bisogna essere veramente coscienti dei propri limiti e di quelli dei compagni d'escursione e bisogna anche essere preparati all’ipotesi di dover tornare indietro, senza insistere,  se fuori dalla propria portata! Quindi il rischio di compromettere la gita e la giornata.

L’idea di crearsi un percorso senza essere guidati da sentieri o GPS o l’idea di ripercorrere sentieri ormai abbandonati, riscoprendone il valore, continua a nutrire in me quella voglia di avventura e di libertà che spesso mi ha già accompagnato da bambino. E più vado avanti e più rimango attratto da questo modo di andare in montagna,..anzi credo che sia proprio questo che stimola di più in me il desiderio di indossare lo zaino! E’ un modo per rivivere la montagna com'era molti anni fa, quando tutto era ancora da conoscere e scoprire. Sembra strano ma, nonostante sia ormai tutto tracciato, ancora ora si trovano scelte piacevoli che possono portarti a scoperte(nel tuo piccolo) davvero emozionanti!!

Chiaramente è vivamente sconsigliato a escursionisti occasionali e di poca esperienza e chiaramente nelle uscite in solitaria, non avendo appoggio da nessuno in caso di bisogno..
Come detto poche righe prima, girovagando fuori dai comuni sentieri, in posti solitamente non frequentati, è possibile imbattersi in singolari esperienze e scoperte! A noi è accaduto quest’estate durante una scarpinata su queste montagne.
Ero in compagnia di Amalia, amica e compagna di belle gite, e ci stavamo dirigendo su una bella cima della nostra zona, la Rocca dell’Abisso(2756 mt). La vista da lassù spazia a 360° e merita sicuramente una visita ma, avendo già in passato percorso questo itinerario, abbiamo deciso di fare una variante a questa escursione tagliando in modo deciso gran parte del sentiero. Un modo per scoprire più affondo questa bellissima zona. Così, in prossimità del Laghetto dell’Abisso (2211 mt), ci siamo avventurati direttamente sulla parete rocciosa con una divertente ma faticosa salita tra canalini erbosi, rocce e rododendri evitando, in questo modo, il lungo tornante che conduce al bel Fort de Giaure(2254 mt). Rimaneva l‘ultima balza da scavalcare per ricongiungersi al sentiero principale quando, posata tra le rocce, troviamo una bomba completamente integra!

 

Amalia sulla scorciatoiaEbbene sì, una bomba vera e propria risalente alla guerra. Sembrava adagiata come un soprammobile antico in un bellissimo giardino, in una posizione quasi irreale per la situazione! Dopo aver riordinato le emozioni, tra stupore, gioia e paura per la scoperta e dopo aver fatto qualche scatto come testimonianza, non abbiamo perso tempo e ci siamo allontanati dalla zona. Ci sembrava incredibile che, a distanza di tutti questi anni, fosse ancora lì in bella vista ma, allo stesso tempo, nascosta e mai trovata da nessun altro. Veramente una bella emozione..
E pensare che questa zona è parecchio frequentata da molto escursionisti!!
Rientrati a casa da questa singolare escursione ne abbiamo subito fatta denuncia e, dopo aver accompagnato i Carabinieri di Limone sul luogo del ritrovamento, ci hanno confermato che l’ordigno, a quanto pare di un mortaio, poteva essere ancora attivo.

Questo insegna che le insidie sono sempre dietro alla porta, non solo per le difficoltà cui la montagna ci può mettere alla prova, ma anche per cose di cui mai potresti aspettarti ed è per questo che è bene mai avventurarsi in certi ambienti da soli, senza segnalare ad altri il tuo percorso.. Abbiamo bellissime montagne con angoli affascinanti ancora poco conosciuti e con una bella storia alle loro spalle,..scopriamole usando lo spirito giusto.

In seguito siamo stati informati che l’ordigno è stato fatto brillare ad Agosto.


    Grey Bear

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
termini e condizioni.

Persone in questa conversazione