Italian Basque English French German Russian Spanish
×

Attenzione

La funzione mail del sito è stata disabilitata da un amministratore del sito.

Monte Aiguillette mt. 3298

Cima-AiguilletteSono passati ormai sei anni dalla mia prima salita all’Aiguillette in compagnia del nostro amico Massimo 66 ma, ancora adesso, mi viene spesso la voglia di tornare. Punto panoramico d’eccezione tra la bella Valle Varaita e la Valle Guil, è il luogo ideale per chi cerca solitudine raggiungendo quote di tutto rispetto. Solo la splendida mole del Monviso riesce a interrompere una visione di 360°.. Nella sua salita abbiamo utilizzato sempre una variante-scorciatoia da percorrere solo in condizioni di tempo ottimo in quanto, non essendoci un sentiero e risalendo una vasta e ripida pietraia, si può incappare in problemi di orientamento. Tengo a puntualizzare proprio questo punto poiché noi, in un’altra occasione ma sempre salendo all’Aiguillette, ci siamo ritrovati nel bel mezzo di pessime condizioni meteo! Conoscevamo già il posto e, accortosi che il maltempo era in largo anticipo in base alle previsioni, (le previsioni segnalavano peggioramenti nel pomeriggio ma cambiò rapidamente già nel mattino), non abbiamo esitato e ci siamo dedicati, nella salita, alla costruzione di visibili ometti di pietra memorizzando alcuni punti con l’altimetro. Ci stavamo “creando” la via di ritorno. Conquistata la cima, la nostra discesa fu accompagnata da fitta nebbia, neve e molta acqua ma tutto si risolse bene. Aver segnato in anticipo la via di ritorno ha fatto la differenza.. Qui di seguito viene riportata la relazione di Massimo 66 e della nostra salita ma vengono pubblicate le foto nelle condizioni di tempo ostile per testimoniare quanto, spesso, il meteo è imprevedibile creando situazioni difficili.

 

Cartina"Oggi si risale in valle Varaita, da tempo io e Mauro volevamo salire sul monte Aiguillette; la giornata e' bella , ma la temperatura bassa, un bel freschino ci accompagna. Si parte dalle Grange del rio, sulla strada che sale al colle dell'Agnello, dove inizia il vallone di Soustra. Si risale il vallone su bel sentiero fino ad arrivare alle grange Bernard, 2155 mt e poco dopo a un vecchio rudere. Qui' guardiamo in alto e decidiamo di fare una variante, svoltiamo a sinistra e iniziamo a salire una ripida china erbosa fino ad arrivare a un pianoro superiore. Proseguiamo senza tracce, con lunghi traversi cercando di avvicinarci alla Costa Bonafonte che con la sua dorsale ci chiude il vallone del Pis. Terminato il tratto erboso arriviamo su sfasciumi e detriti tenendo la direzione di una sella sulla costa; il pendio e' ripidissimo e salire su questo terreno e' faticoso; comunque si arriva sulla selletta e volgendo verso sinistra in breve siamo sullo spartiacque Varaita-Guil. Il panorama è spettacolare, il Viso imbiancato dalla neve di ieri ci accompagna fino alla vetta. Dallo spartiacque si prende la crestina e con facile arrampicata si arriva sulla cima est prima e sull'ovest poi. Rimango a bocca aperta per i colori che oggi ci offre la montagna .."
                                                                                                                             Massimo 66

 

Data: 16 agosto 2008
Quota max: 3298 mt
Partenza da: Grange del rio Chianale
Quota partenza: 2004 mt
Dislivello: 1294 mt
Zona: Valle Varaita
Difficolta': F

 

 

 

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
termini e condizioni.

Persone in questa conversazione